9 miliardi di posti a tavola | La corsa globale ai terreni agricoli


 Tra il 2007 e la metà  del 2008 i prezzi mondiali di cereali e soia sono più che raddoppiati. Con i prezzi del cibo che salivano in ogni parte del mondo, alcune nazioni esportatrici cominciarono a ridurre le spedizioni di cereali nel tentativo di limitare al proprio interno l’inflazione dei prezzi dei generi alimentari. Il panico si diffuse tra i paesi importatori e alcuni di essi provarono a ottenere forniture cerealicole a lungo termine ma, nell’ambito di un mercato le cui regole sono dettate dai venditori, i successi furono scarsi. Tutto d’un tratto le nazioni importatrici si resero conto che una delle possibilità  per produrre il cibo per soddisfare il proprio fabbisogno risiedeva nel reperire terreni agricoli all’estero.

Andare alla ricerca di territori oltre frontiera non è un fenomeno del tutto nuovo. Gli imperi si sono espansi con le acquisizioni territoriali, le potenze coloniali gestivano le piantagioni e le industrie dell’agribusiness è in questo modo che tentano di incrementare le loro potenzialità . L’analista di politiche agricole, Derek Byerlee, ha condotto un’analisi retroattiva che parte dalla metà  del XIX secolo, esaminando gli investimenti in terre straniere spinti dal mercato. Negli ultimi 150 anni, gli investimenti agricoli su vasta scala da parte dei paesi industriali si sono concentrati principalmente su prodotti tropicali come la canna da zucchero, il tè, la gomma naturale e le banane.

Ciò che oggi rappresenta una novità  è la corsa ad accaparrarsi terre all’estero per coltivare alimenti di base o da destinare al nutrimento animale, tra cui il frumento, il riso, il mais e la soia o per coltivazioni dalle quali produrre biocarburanti. Queste acquisizioni territoriali degli ultimi anni, o land grabs (sottrazioni territoriali) come sono state qualche volta definite, rappresentano un fenomeno nuovo all’interno della geopolitica della scarsità  alimentare e si stanno verificando a una scala e un ritmo mai visto prima.

Tra i paesi che sono principalmente responsabili nel comprare o prendere in affitto territori all’estero, sia direttamente attraverso istituzioni governative sia per mezzo di aziende dell’agribusiness nazionali, troviamo l’Arabia Saudita, la Corea del Sud, la Cina e l’India. La popolazione dell’Arabia Saudita ha semplicemente esaurito i propri terreni e le risorse idriche, sta rapidamente perdendo le riserve di acqua a uso irriguo e presto dipenderà  completamente per le forniture cerealicole dagli acquisti sul mercato mondiale, o da progetti agricoli oltre frontiera.

La Corea del Sud, che importa il 70% dei cereali, è il maggiore investitore in terre all’estero. Nel tentativo di acquistare entro il 2018 oltre 380.000 ettari di terreno agricolo da destinare alla produzione di mais, frumento e soia, il governo coreano a quanto pare aiuterà  le aziende nazionali a prendere in affitto terreni coltivabili in paesi come la Cambogia, l’Indonesia e l’Ucraina.

La Cina, che si trova a dover fronteggiare l’esaurimento degli acquiferi e una pesante perdita di superficie coltivabile a causa dell’urbanizzazione e dello sviluppo industriale, mostra anch’essa segni di nervosismo circa il futuro dei propri approvvigionamenti alimentari. Sebbene per i cereali si sia resa essenzialmente autosufficiente dal 1995 in poi, durante gli ultimi anni, ne è diventata un grande importatore. Per quanto riguarda la soia, ne importa più di tutti gli altri paesi sommati insieme.

Anche l’India, con una popolazione da nutrire numerosa e per giunta in aumento, è diventata un importante soggetto nelle acquisizioni territoriali. Con i pozzi irrigui che si vanno prosciugando, il previsto incremento di 450 milioni di persone entro la metà  del secolo e con la prospettiva di una crescente instabilità  climatica, l’India è realmente preoccupata circa la propria sicurezza alimentare futura.

Tra le altre nazioni che hanno intenzioni di assicurarsi territori all’estero troviamo l’Egitto, la Libia, il Bahrain, il Quatar e gli Emirati Arabi Uniti. Per esempio, all’inizio del 2012, la Al Ghurair Foods, un’azienda con sede negli Emirati Arabi, ha annunciato che avrebbe preso in affitto per 99 anni oltre 100.000 ettari di terra in Sudan sui quali coltivare frumento, altre tipologie di cereali e soia. Il progetto prevede che i raccolti ottenuti saranno trasferiti negli Emirati e in altre nazioni che si affacciano sul Golfo Persico. è difficile reperire informazioni dettagliate sul fenomeno dilagante dell’accaparramento territoriale. Forse a causa della natura politicamente delicata delle sottrazioni territoriali, è molto arduo separare le voci di corridoio dalla realtà . Al principio, la frequenza crescente di report su nuovi contratti sembrava indicare che il fenomeno stesse montando, ma nessuno si preoccupava di aggregare e verificare i dati in arrivo relativi a questo importante sviluppo dell’economia agricola. Molti gruppi facevano affidamento sul Grain, una piccola organizzazione non governativa con un budget ristretto, e la sua lista di notizie sulle sottrazioni territoriali. Un report iniziale della Banca Mondiale, rilasciato dapprima nel settembre 2010 e poi aggiornato nel gennaio 2011, ha impiegato la lista disponibile online stilata da Grain per aggregare le informazioni relative al fenomeno, sottolineando che quello di Grain era l’unico tentativo di analisi che avesse un orizzonte globale.

Nel suo report la Banca Mondiale ha identificato 464 acquisizioni territoriali che erano a vari livelli di sviluppo nell’arco di tempo che va dall’ottobre 2008 all’agosto 2009. L’analisi afferma che la produzione agricola si era avviata solo in un quinto dei progetti, probabilmente perché inparecchi casi si trattava solo di speculazione territoriale. Il report ha elencato molte altre ragioni per spiegare questa partenza difficoltosa, tra cui “obiettivi irrealizzabili, variazioni dei prezzi, infrastrutture, tecnologie e istituzioni inadeguate”.

L’estensione dei territori interessati è nota solo per 203 dei 464 casi in esame, e finora ammonta a 56 milioni di ettari, più di quelli che, sommati insieme, sono coltivati a mais e frumento negli Stati Uniti. Particolarmente degno di nota è che dei 405 casi per i quali le informazioni relative alla coltivazione erano disponibili, il 21% era destinato a coltivazioni per la produzione di biocombustibili, un altro 21% per prodotti a fini industriali o commerciali, come gomma naturale e legname, e solo il 37% dei progetti prevedeva coltivazioni a scopo alimentare.

Quasi la metà  di questi contratti, e quasi i due terzi delle terre, si trovavano nell’Africa subsahariana, probabilmente perché in quei luoghi il terreno è molto più economico che in Asia. In un’attenta analisi del fenomeno del land grabbing avvenuto tra il 2005 e il 2011 nell’Africa subshariana, George Schoneveld del Center for International Forestry Research ha rivelato che i due terzi della superficie interessata ricadeva in solo sette nazioni: Etiopia, Ghana, Liberia, Madagascar, Mozambico, Sudan del Sud e Zambia. In Etiopia per esempio, un ettaro di terreno può essere affittato per meno di 50 centesimi di dollaro l’anno, mentre nell’Asia, ove la terra scarseggia, può arrivare facilmente a costare 50 dollari o più.La regione che occupa il secondo posto per area coinvolta è il Sudest asiatico con la Cambogia, il Laos, le Filippine e l’Indonesia. Alcuni paesi hanno anche cercato territori nell’America Latina, specialmente in Brasile e Argentina. La Chongqing Grain Group, azienda di proprietà  dello stato cinese, per esempio, ha dichiarato di aver coltivato nello stato brasiliano di Bahia oltre 200.000 ettari a soia per inviarla in Cina. Questa compagnia ha annunciato all’inizio del 2011 che, come parte di un pacchetto di investimenti multimiliardari in Bahia, avrebbe sviluppato una zona industriale con macchinari capaci di macinare 1,5 milioni di tonnellate di soia l’anno.

Sfortunatamente, i paesi che stanno vendendo o affittando il proprio territorio per la produzione di merci agricole da spedire all’estero sono tipicamente nazioni povere e molto di frequente, come in Etiopia e nel Sudan del Sud, luoghi in cui la fame è cronica. Entrambi questi paesi sono importanti destinatari di aiuti alimentari da parte del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite. In alcuni casi le acquisizioni territoriali sono dei veri e propri acquisti di terreno, ma nella stragrande maggioranza si tratta di affitti a lungo termine, in genere di 25 o 99 anni. Come risposta all’aumento dei prezzi petroliferi e a un crescente senso di insicurezza, le politiche energetiche che incoraggiano la produzione e l’uso dei biocarburanti sono anche corresponsabili del fenomeno del land grabbing. Ciò porta alla deforestazione di nuovi terreni o alla sottrazione di quelli esistenti destinati alle colture alimentari. Per esempio, la legge dell’Unione europea sull’energia rinnovabile, che richiede che il 10% dell’energia per i trasporti provenga entro il 2020 da fonti rinnovabili, sta incoraggiando le aziende dell’agribusiness a investire in terreni per la produzione di biocarburanti destinati al mercato europeo. Nell’Africa subsahariana molti investitori hanno piantato la jathropa (un arbusto che produce semi oleosi) e palme da olio, entrambi fonti di biodiesel. Una compagnia con sede nel Regno Unito, la Gem BioFuels, ha affittato mezzo milione di ettari in 18 comunità  del Madagascar sui quali coltivare la jathropa. Alla fine del 2010 aveva piantumato 57.000 ettari con questo arbusto, ma dall’aprile 2012 sta riconsiderando la situazione a causa degli scarsi risultati del progetto. Numerose altre aziende che avevano in programma di produrre biodiesel dalla jathropa non sono andate molto meglio. L’entusiasmo iniziale sta svanendo dato che i rendimenti della jathropa sono inferiori al previsto e non vi sono ritorni economici. Sime Darby, una compagnia con sede in Malesia e che ha un ruolo importante nell’economia dell’olio di palma, ha affittato quasi 220.000 ettari in Liberia per lo sviluppo di piantagioni di palma da olio e di gomma naturale. Nel maggio 2011 ha avviato la prima piantumazione di palma da olio sul terreno interessato e l’azienda conta entro il 2030 di avere l’intera area in produzione.

Stiamo quindi assistendo a una corsa ai terreni agricoli oltre frontiera senza precedenti. Spinte dall’insicurezza energetica e alimentare, le acquisizioni territoriali sono oggi viste come un’opportunità  di investimento speculativo. Fatou Mbaye di ActionAid in Senegal osserva, “i terreni stanno diventando il nuovo oro e la corsa all’accaparramento è in atto proprio ora”.

I capitali investiti giungono da più parti, incluse banche, fondi pensione, donazioni universitarie e persone benestanti. Molti grandi fondi d’investimento stanno inserendo l’attività  agricola nei loro portafogli. Oltre a ciò, esistono molti fondi dedicati esclusivamente a investimenti di tipo agricolo. Dal 1991 al 2010, questi tipi di fondi hanno generato un tasso di ritorno che è stato approssimativamente doppio di quello dell’investimento in oro o dell’indice S&P 500, e di sette volte rispetto agli investimenti nel mattone. La maggior parte dei guadagni in queste attività  sono iniziati a partire dal 2003.

Molti investitori hanno in progetto di usare i terreni acquisiti, ma ve ne è anche un folto gruppo che specula sui terreni non avendo né l’intenzione né la capacità  di produrre raccolti. Ci si è accorti che i recenti rialzi nei prezzi del cibo probabilmente continueranno, facendo aumentare ancora di più il valore dei terreni sul lungo periodo. Ed è vero che i prezzi della terra sono in salita quasi ovunque.

Le acquisizioni territoriali sono in realtà  anche acquisizioni idriche. Sia che la terra venga irrigata, o bagnata dalle piogge, un diritto di rivendicazione sulle terre equivale a una rivendicazione sulle risorse idriche del paese ospitante. Ciò significa che questi accordi sono una questione particolarmente delicata nei paesi con difficoltà  idriche.

In un articolo pubblicato su Water Alternatives, Deborah Bossio e colleghi analizzano gli effetti delle acquisizioni territoriali in Etiopia sulla domanda di acqua a uso irriguo, e quindi le conseguenze sulla portata del fiume Nilo. Mettendo insieme i dati provenienti da 12 progetti confermati, con un’area complessiva di oltre 138.000 ettari, è stato calcolato che se tutta questa specifica area dovesse essere irrigata, come appare probabile, la superficie irrigata dell’intera regione aumenterebbe di sette volte. Ciò ridurrebbe approssimativamente del 4% la portata annuale del Nilo. Le acquisizioni in Etiopia, dove si trovano la maggior parte delle sorgenti del Nilo, o nei paesi del Sudan, i quali anche attingono dalle risorse idriche del Nilo, significano che l’Egitto avrà  meno acqua e pertanto ridurrà  il suo raccolto di frumento e aumenterà  ulteriormente la sua già  notevole dipendenza dalle importazioni.

Le estese acquisizioni territoriali sollevano molte questioni. Dato che spesso le superfici interessate dal land grabbing non sono libere, questiaccordi significano che molti agricoltori e pastori locali verranno semplicemente allontanati. I loro terreni possono essere espropriati o comprati a un prezzo non concordato, causando spesso conflitti.

Inoltre, questi accordi sono quasi sempre negoziati in segreto. In genere vengono coinvolti solo pochi ufficiali di alto grado e in via confidenziale. Non solo i portatori di interessi come gli agricoltori locali non siedono al tavolo delle trattative, ma spesso non sono nemmeno informati degli accordi presi fino a che non vengono sottoscritti e loro si trovano a essere sfrattati. Questo è spesso quello che avviene nei paesi in via di sviluppo, nei quali è lo stato e non l’agricoltore ad avere il possesso formale dei terreni. Di fronte a questo scenario, il contadino può essere facilmente costretto dal governo ad abbandonare la terra.

I residenti allontanati saranno lasciati senza terra o mezzi minimi di sostentamento, in una situazione dove la pratica agricola è diventata estremamente meccanizzata e quindi crea scarsa occupazione. La principale conseguenza sociale di queste acquisizioni territoriali è che contribuiscono notevolmente all’incremento del numero di affamati nel mondo. L’Oakland Institute, think-tank californiano, riporta come in Etiopia l’affitto ad aziende estere di immense aree ha causato “violazioni dei diritti umani e lo spostamento forzato di più di un milione di etiopi”. La prospettiva è che, dal momento che il governo dell’Etiopia sta procedendo con il suo programma di locazione territoriale, molti più residenti verranno spostati con la forza.

In un articolo pubblicato sull’Observer, che è diventato un punto di riferimento sul fenomeno delle sottrazioni territoriali in Africa, John Vidal riferisce le parole di un etiope, Nykaw Ochalla, della regione di Gambella: ” le compagnie straniere sono arrivate numerose, privando le persone della terra che avevano utilizzato per secoli. Non esiste alcuna consultazione con la popolazione locale. Gli accordi vengono presi in segretezza. La sola cosa che i residenti vedono sono persone che arrivano con numerosi trattori per invadere le loro terre”. Parlando del suo villaggio, Ochalalla racconta, “i campi sono stati requisiti senza riconoscere alcuna compensazione. I residenti non potevano credere ai loro occhi”. L’ostilità  da parte della popolazione locale verso il land grabbing è la regola, non l’eccezione. La Cina per esempio, ha firmato nel 2007 un accordo con il governo delle Filippine per l’affitto di un milione di ettari di terreno sul quale produrre raccolti che sarebbero poi stati portati in patria. Una volta che la notizia trapelò, la protesta pubblica, per lo più da parte degli agricoltori filippini, ha costretto il governo a sospendere l’accordo. Una situazione analoga si è verificata in Madagascar, dove un’azienda sudcoreana, la Daewoo Logistics, ha tentato di acquisire diritti su più di un milione e mezzo di ettari di territorio, una superficie pari alla metà  del Belgio. Ciò ha alimentato una rivolta politica che ha portato alla caduta del governo e alla cancellazione dell’accordo. Come possono essere resi produttivi i terreni che al momento non vengono coltivati? Probabilmente fornendo conoscenze e tecnologie con le quali, nella maggior parte dei casi, possono essere raggiunti notevoli miglioramenti della resa. Come dimostrato in Malawi (vedi il capitolo 7), semplicemente somministrando fertilizzanti a un suolo impoverito e utilizzando semi migliorati, grazie alle piogge è possibile raddoppiare le rese cerealicole.

Forse la domanda più importante è: quali saranno gli effetti sulla popolazione locale? L’approccio del programma seguito in Malawi nell’aiuto diretto agli agricoltori locali è in grado di incrementare fortemente la produzione alimentare, di innalzare il reddito degli abitanti, di ridurre la fame, di guadagnare dagli scambi con l’estero: è una situazione quattro volte vincente. Ciò contrasta con quella invece tre volte perdente che segue alle sottrazioni territoriali: gli abitanti perdono le proprie terre, il proprio cibo e i loro mezzi di sostentamento.

In alcuni paesi ci saranno degli spettacolari incrementi produttivi, ma ci saranno certamente anche dei fallimenti. Alcuni progetti sono già  stati abbandonati. Molti di più lo saranno semplicemente perché il ritorno economico non c’è. La coltivazione a lunga distanza, con la necessità  di viaggi e trasporti, può essere costosa, in modo particolare quando i prezzi del petrolio sono alti.

Prima di tutto, mentre le notizie di nuove acquisizioni territoriali sono comparse a un ritmo crescente, oggi lo sviluppo dei terreni interessati va a rilento. Gli investitori tendono a concentrarsi sui costi della produzione del raccolto senza considerare adeguatamente quelli della costruzione di una moderna infrastruttura agricola, necessaria a supportare con successo lo sviluppo della porzione del territorio acquisito. La maggior parte dei paesi subsahariani sono in questo molto deficitari, il che significa per gli investitori che il costo per le necessarie implementazioni potrebbe essere insostenibile.

In alcune nazioni ci vorranno anni per costruire le strade necessarie a trasportare verso l’interno i materiali necessari alle coltivazioni, come i fertilizzanti, e i prodotti verso l’esterno. Oltre a ciò, vi è necessità  di forniture locali di energia elettrica e di gasolio, per azionare le pompe di irrigazione, e di un ben dotato sistema di supporto per il mantenimento dell’attività  agricola, nel caso i macchinari siano lasciati inattivi nell’attesa che il personale addetto alla riparazione e i ricambi arrivino da tanto lontano. La manutenzione di una flotta di trattori, per esempio, richiede non solo meccanici esperti, ma anche la presenza sul luogo di scorte per pneumatici o accumulatori. Silos ed essiccatori per i cereali sono essenziali in questo tipo di attività . Devono essere costruiti anche magazzini per i carburanti e i fertilizzanti.

Un altro fattore che complica le cose sono le svariate regole e procedure governative. Per esempio se quasi tutto l’equipaggiamento e i materiali necessari alla moderna pratica agricola devono essere importati, ciò richiede una certa familiarità  con le pratiche di dogana. In aggiunta, potrebbero essere necessari numerosi permessi per la trivellazione di pozzi e la costruzione di canali irrigui o l’allacciamento alla rete elettrica locale, sempreché ne esista una.

Quando l’Arabia Saudita ha deciso di investire nelle attività  agricole creò la King Abdullah’s Initiative for Saudi Agricultural Investment Abroad, un programma per semplificare le acquisizioni territoriali e l’agricoltura in altri paesi quali il Sudan, l’Egitto, l’Etiopia, la Turchia, l’Ucraina, il Kazakistan, le Filippine, il Vietnam e il Brasile. Il ministro del Commercio e dell’industria saudita diede avvio a un’indagine per comprendere il motivo per il quale i progetti si stessero muovendo a un ritmo così lento: impararono che l’acquisire terreni all’estero è solo il primo passo. L’agricoltura moderna dipende da grandi investimenti nelle infrastrutture, e ciò risultava costoso anche per i ricchi sauditi.

Altra notevole difficoltà  legata all’avvio di nuovi progetti agricoli in paesi ove i suoli, il clima, le precipitazioni, le infestazioni da insetti e le malattie vegetali sono profondamente differenti da quelle del paese investitore, è la mancanza di conoscenze. Quando vengono introdotte nuovecolture ci saranno certamente perdite impreviste per malattie delle piante o infestazioni da parte di insetti, specialmente perché molti degli accordi hanno come oggetto terre in regioni tropicali e subtropicali.

Una mancanza di familiarità  con l’ecosistema locale può comportare un ampio ventaglio di rischi. L’azienda indiana Karuturi Global è il più grande produttore mondiale di rose da taglio che coltiva in Etiopia, Kenya e India per i mercati ricchi. L’azienda si è recentemente lanciata nella corsa all’accaparramento delle terre, accettando subito nel 2008 l’offerta di 300.000 ettari da coltivare nella regione etiope di Gambella. Nel 2011, la compagnia ha seminato il suo primo campo di mais nel fertile terreno presso il fiume Baro. Consapevole delle possibili inondazioni, la Karuturi ha investito pesantemente nella costruzione di argini lungo il fiume, che però non si sono dimostrati sufficienti e 50.000 tonnellate di mais sono andare perse in una piena improvvisa. Per sua fortuna l’azienda era abbastanza solida da sopravvivere a questa grave perdita.

Alla fine dei conti, la verità  è che gli investitori nel rendere produttive queste aree si trovano a dover affrontare dei costi sempre crescenti. Persino nei casi in cui il terreno sia relativamente economico, il cibo coltivato a queste condizioni e trasportato ai paesi di destinazione risulterà  essere estremamente costoso.

Sebbene questa raffica di acquisizioni territoriali su larga scala sia cominciata nel 2008, al 2012 si hanno relativamente pochi risultati da valutare. I sauditi hanno raccolto il primo riso in Etiopia, sebbene in piccola quantità , sul finire del 2008.

Nel 2009, la Hyundai Heavy Industries della Corea del Sud, su una coltivazione di 10.000 ettari che rilevò da proprietari russi, approssimativamente 160 chilometri a nord di Vladivostok, ha prodotto circa 4.500 tonnellate di soia e 2.000 di mais. La Hyundai aveva progettato di espandere rapidamente la produzione a 100.000 tonnellate di mais e soia entro il 2015. Ma nel 2012 il suo primo raccolto è stato di sole 9.000 tonnellate, allontanandola di gran lunga dalle previsioni per il 2015. Il vantaggio per la Hyundai è stato che quel luogo era sede di una fattoria già  funzionante e l’infrastruttura di supporto già  esistente. Ma anche se la Hyundai dovesse raggiungere l’obiettivo delle 100.000 tonnellate riuscirebbe a coprire solamente l’1% del consumo sudcoreano di questi prodotti. Un’altra delle acquisizioni che sembra procedere è nel Sudan del Sud, dove la compagnia di private equity Citadel Capital ha affittato 100.000 ettari di terreno agricolo. Nel 2011 ha dato il via alla produzione con un campo pilota di ceci da 600 ettari. Il progetto è di estendere l’area destinata a questa coltura in cinque anni fino a 50.000 ettari. L’obiettivo complessivo finale è la produzione di quelle colture, anche di mais e sorgo, per le quali esiste un vasto mercato locale e di produrle molto al di sotto dei prezzi d’importazione. Questo specifico progetto apparentemente è diretto al consumo locale. Ma purtroppo lo stesso non può dirsi della maggior parte degli accaparramenti oltrefrontiera.

Le acquisizioni territoriali, che siano finalizzate alla produzione di alimenti, di biocarburante o di altre tipologie di coltivazioni, sollevano la questione di chi ne trae beneficio. Quando in pratica tutti i materiali, i macchinari agricoli, i fertilizzanti, i pesticidi, i semi, sono portati da fuori e tutto il prodotto va all’estero, vi è uno scarso contributo all’economia locale e nullo all’approvvigionamento alimentare del paese ospitante. Queste sottrazioni di territorio non solo vanno a vantaggio dei più ricchi, ma lo fanno a scapito dei più poveri.

Una delle variabili più difficili da valutare è la stabilità  politica dei paesi ove sono localizzate le terre oggetto di acquisizioni. Nel caso i partiti di opposizione dovessero salire al governo, questi possono cancellare gli accordi, sostenendo che le trattative erano state mantenute riservate senza una partecipazione o una consultazione pubblica. Particolarmente a rischio sono le acquisizioni territoriali in Sudan del Sud e nella Repubblica Democratica del Congo, entrambi nella lista degli stati in fallimento. Poche cose sono in grado di scatenare insurrezioni come la sottrazione della terra ai popoli. I macchinari agricoli sono facilmente sabotabili. Se viene appiccato il fuoco ai campi di cereali giunti a maturazione, questi bruciano rapidamente.

In Etiopia, l’opposizione locale al land grabbing sembra che stia passando dalla protesta alla violenza. Alla fine di aprile 2012, uomini armati hanno attaccato i lavoratori nei campi di riso acquisiti dal miliardario saudita Mohammed al-Amoudi nella regione di Gambella. Cinque persone sono morte e nove altre ferite. L’azienda di al-Amoudi, la Saudi Star Agricultural Development, stava coltivando riso su appena 350 ettari dei 10.000 affittati dalla metà  del 2012 e intendeva ottenere altri 290.000 ettari nella regione, con la maggior parte del riso raccolto da esportare in Arabia Saudita. La Banca Mondiale, in collaborazione con l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (Fao), e altre agenzie collegate, ha stabilito una serie di regole per le acquisizioni territoriali. Queste linee guida sono ben concepite, ma purtroppo non esiste alcun meccanismo che le faccia rispettare. La Banca Mondiale non sembra intenzionata a contrastare i paesi che acquisiscono i territori sostenendo che ciò porterà  dei benefici alle popolazioni che vivono nei paesi ospitanti. Una coalizione di oltre cento Ong, nazionali e internazionali, si sta opponendo strenuamente al fenomeno delle acquisizioni territoriali. Questi gruppi affermano che il mondo non ha bisogno di multinazionali che portino nei paesi in via di sviluppo un’agricoltura di larga scala, altamente meccanizzata e con ingenti capitali. Piuttosto queste nazioni necessitano di supporto internazionale per un’agricoltura locale di piccole dimensioni, a grande impiego di manodopera nelle fattorie familiari e che producano per i mercati locali e regionali creando il lavoro di cui hanno disperatamente bisogno.

A mano a mano che i terreni coltivabili e l’acqua diventano scarsi, la temperatura della Terra sale e si deteriorano le basi per la sicurezza alimentare, va emergendo una pericolosa geopolitica della scarsità  alimentare. Le condizioni che hanno dato luogo a questo fenomeno sono state latenti per molti decenni, ma solo negli ultimi anni la situazione è diventata oggetto di reale attenzione. Le acquisizioni territoriali di cui si è parlato in questo capitolo sono parte integrante di una lotta di potere planetaria per il controllo delle risorse idriche e territoriali del pianeta.

Lascia un commento